1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Piani di Settore
 

Bando D.M. prt. n. 1151 del 26 ottobre 2005
G.U. n. 258 del 05/11/2005

 

Eco.Idri.Flor

ECOefficienza della gestione IDRica nel FLORovivaismo: risorse tecnologie e sistemi per l'ottimizzazione
Approvato con D.M. 18350/7818/09 del 3 agosto 2009

Importo totale € 500.000,00 - Contributo concesso € 500.000,00 pari a 100% della spesa ammessa


SOGGETTO PROPONENTE

DIAAT Dipartimento di Ingegneria Agraria e Agronomia del Territorio Università di Napoli Federico II

 

COORDINATORE DEL PROGETTO

Prof.ssa Stefania De Pascale - DIAAT Dipartimento di Ingegneria Agraria e Agronomia del Territorio, Università di Napoli Federico II

 

PARTNER COINVOLTI

CRA FSO Unità di ricerca per la floricoltura e le specie ornamentali
CRA VIV Unità di ricerca per il vivaismo e la gestione del verde ambientale ed ornamentale
GEMINI Dipartimento Geologia e Ingegneria meccanica, Naturalistica e Idraulica per il Territorio - Università degli Studi Tuscia
DBPA Dipartimento Biologia Piante Agrarie - Università degli Studi Pisa
CRA SFM Unità di ricerca per il recupero e la valorizzazione delle specie floricole mediterranee
CRA SCA Unità di ricerca per i sistemi colturali degli ambienti caldo-aridi
CNR IBIMET Istituto Biometeorologia Consiglio Nazionale delle Ricerche

 

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Obiettivo del progetto coordinato è stato lo studio delle basi biologiche, fisiologiche e tecnologiche per migliorare l'efficienza d'uso delle risorse idriche nelle produzioni di specie da fiore reciso e di piante ornamentali in contenitore ed in piena terra. Con riferimento ai due comparti in cui può essere distinto il settore florovivaistico (fiori e fronde da reciso, piante ornamentali intere).

 

RISULTATI RAGGIUNTI

Il progetto era articolato in 3 Work Package:
WP1-Studio dell'impatto della produzione florovivaistica sulla qualità/quantità delle acque di falda: le ricerche, condotte in comprensori florovivaistici della Campania (Napoli), Liguria (Sanremo) e Toscana (Pescia e Pisa), sono state rivolte all'analisi delle caratteristiche d'uso dell'acqua nelle diverse realtà produttive. Le attività hanno previsto l'individuazione e la classificazione dei principali sistemi produttivi in funzione delle caratteristiche d'uso dell'acqua e la messa a punto di modelli di simulazione allo scopo di fornire consigli operativi per la programmazione razionale di irrigazione e fertilizzazione, il riciclo delle soluzioni drenate ed il contenimento dei reflui in falda.
WP2 -Interventi per migliorare la gestione delle risorse idriche anche in presenza di acqua salmastre:
WP 2.1 a) Fiori recisi: Il DIAAT ha studiato sistemi fuori suolo a ciclo chiuso caratterizzati da ridotti costi di investimento e semplicità di gestione per la coltivazione di "bulbose" da fiore reciso (Curcuma, Hippeastrum, Freesia). Tra le variabili considerate: acque saline, biostimolanti, strategie di gestione della soluzione nutritiva basate sul monitoraggio della CE e/o della concentrazione dei nitrati nella soluzione ricircolante, schemi e densità di impianto. I risultati dimostrano che i sistemi di coltivazione a ciclo chiuso possono essere utilizzati per la produzione di "bulbose" con risparmio di acqua e concimi e ridotto impatto ambientale.
         b) Fronde recise: Il CRA-FSO ha studiato sonde xDR per l'automazione dell'irrigazione con soluzioni nutritive ottenute da acque saline. È stato realizzato un sistema wireless con funzioni di consultazione, comando ed amministrazione on line su rete internet. Il sistema si basa sull'impiego di un software dedicato, che utilizza un database di parametri della gestione irrigua (data, ora e durata dell'intervento, volume irriguo). In fase di collaudo del prototipo, la risposta di piante test (viburno ed altre specie) è stata ottimale, senza manifestazioni di stress idrico.
WP 2.2 Piante fiorite da vaso: Lo studio dei parametri che caratterizzano l'uso dell'acqua in colture da vaso fiorito (geranio e petunia) è stato approfondito anche dal GEMINI, attraverso l'analisi dei fabbisogni idrici, dell'efficienza d'uso dell'acqua e delle asportazioni di nutrienti, utilizzando diversi metodi irrigui (goccia e subirrigazione) e concentrazioni della soluzione nutritiva, in diverse stagioni colturali. I risultati confermano la necessità di scegliere il metodo irriguo in funzione delle variabili biologiche (specie), climatiche (stagione) e colturali (substrato). Il CRA-SFM ha valutato la tolleranza a stress idrico e salino di piante fiorite in vaso (Asterisco marittimo, Euphorbia x lomi, Murraya panicolata, Elicrisi, Timo Lavandula). Gli studi condotti hanno consentito di ottenere le prime indicazioni tecnico-applicative sul diverso grado di tolleranza a stress idrico e salino delle diverse specie analizzate.
WP 2.3 Piante ornamentali da esterno: Presso il CRA-VIV sono stati condotti studi su ornamentali per arredo urbano (Photinia x fraseri e Viburnum lucidum) allevate in vaso in coltura protetta, anche in presenza di stress idrico, utilizzando un sistema automatizzato di gestione irrigua basato sull'impiego di sonde FDR (Frequency Domain Reflectometry) con software dedicato e in aree verdi. I risultati ottenuti hanno consentito di definire, in via preliminare, criteri per la scelta e la gestione di specie ornamentali in ambito urbano per aumentare l'efficienza d'uso dell'acqua e le performance estetiche delle aree verdi.
WP3 -Tecnologie e modelli innovativi: Il CRA-SCA ha condotto studi sull'uso di acque salmastre, in dipendenza di fattori diversi (profondità della falda, distanza dalla costa, stagione). L'effetto di diversi livelli di salinità dell'acqua irrigua è stato studiato dal punto di vista chimico-fisico e meccanico su un substrato di riferimento (miscela di terriccio, vermiculite, sabbia e perlite) e su piante di geranio in vaso, anche in presenza di micorrize (2 ceppi di Glomus). È stata valutata la sostenibilità dell'irrigazione con acque salmastre e sono stati individuati criteri e tecnologie di mitigazione degli effetti indesiderati. Il CNR-IBIMET ha lavorato alla  realizzazione di un sistema automatico per il controllo dell'irrigazione in serra (subirrigazione e goccia) di piante fiorite in vaso: Le attività erano finalizzate alla realizzazione del software di gestione Hydro, per l'uso integrato di dati da sensori micro-meteorologici (velocità del vento, T, UR, radiazione luminosa), da mini-tensiometri e da conta-litri (volume erogato e drenato) per il calcolo dei parametri del bilancio idrico.  Il sistema, dotato di trasmissione via modem GSM per fornire in tempo reale i dati raccolti ed avvisi/allarmi sullo stato di funzionamento è stato collaudato nell'ambito delle prove del DBPA e del GEMINI.

 

AZIONI DI DIVULGAZIONE

De Pascale S., Paradiso R., 2009. "ECO-Efficienza della gestione IDRIca nel FLORvivaismo: risorse e tecnologie "il progetto Eco.Idri.Flor. Colture Protette 9:100-102.
Raimondi G., De Pascale S. 2009. Curcuma da fiore reciso in idroponica a ciclo chiuso e salinità dell'acqua. Colture Protette 9:74-79.
De Pascale S., Raimondi G., Caputo R. 2010. Hippeastrum in fuori suolo a ciclo chiuso: gestione della soluzione nutritiva. Colture Protette 1:82-86.
Farina E., Di Battista F., Palagi M. 2007. Utilizzazione su rosa di sonda TDT per automazione della gestione fertirrigua. Flortecnica, 12:18-23.
Di Battista F., Farina E., Palagi M. 2008. Automazione fertirrigua: utilizzo di sonde TDT, nuova classe di sensori. Colture Protette, 6:69-78.
Farina E. 2008. Sistema Fuori suolo "Riviera" dotato di modulo per biofiltrazione dotato di modulo per biofiltrazione a sabbia (Sistema "BioRiviera"). Progettazione, realizzazione, gestione. ACE International Ed., 32 pp. ISBN 978-88-87387-20-9.
Farina E. , Di Battista F.,  Henry S. 2008. L'informatica per controllare l'irrigazione delle ornamentali. Colture protette, 9:42-51.
Farina E., Di Battista F. 2009. Sensori per governare l' acqua. Colture Protette 4: 38-42.
Farina E., Di Battista F., Dalla Guda C., Rosso G., Soracco A. 2010. Risorse tecnologiche avanzate per automazione (fert)irrigua. Colture Protette 4: 16-21.
Rosso G., Soracco A., Farina E., Di Battista F., Dalla Guda C. 2010. Agrimonitoring come risorsa per l' automazione fertirrigua. Colture Protette 6: 16-24.
Pardossi, A., Incrocci, L., Incrocci, G., Malorgio, F., Battista, P., Bacci, L., Rapi, B., Marzialetti, P., Hemming, J., Balendonck, J. (2009)- "Root Zone Sensors for Irrigation Management in Intensive Agriculture". Sensors 9: 2809-2835.
La Fata S., Incrocci L., Malorgio F., Pardossi A., Battista P., Rapi B., Bacci L., 2009. L'irrigazione con acqua di qualità e salina del geranio allevato in vaso: influenza del metodo irriguo. Colture protette, n°7, pp.78-86.
Incrocci L., Incrocci G., Pulizzi R., Malorgio F., Pardossi A., Spagnol S., Marzialetti P., 2009. Più efficienza all'irrigazione con i sensori dielettrici. L'Informatore Agrario N.40, 39-42.
La Fata S., Incrocci L., Malorgio F., Battista P., Rapi B., Bacci L., Pardossi A., 2009. The influence of irrigation method on pot geranium (Pelargonium peltatum L.) grown with saline water. Acta Horticolturae 807, 283-288.
Vernieri P., Trivellini A., Malorgio F., Ferrante A., Serra G. (2009)- Effect of Marine Aerosol on Seaside Grown Plants- II International Conference on Landscape and Urban Horticulture 9-13 June 2009 Bologna, Acta Horticolturae, vol.1 p. 94.
Rouphael Y., Cardarelli M., Elvira Rea E., Colla G., 2008.  The influence of irrigation system and nutrient solution concentration on potted geranium production under various conditions of radiation and temperature. Scientia Horticulturae 118, 328-337.
Colla G., Rouphael Y., Cardarelli M., Rinaldi S., Rea E.,2008. Water use efficiency and transpiration of greenhouse geranium culture. International Symposium on Strategies Towars Sustainability of Protected Cultivation in Mild Winter Climate. April 6-11, 2008. Antalya. Turkey. Acta Horticulturae 807: 271-274.
Cardarelli, M., Rouphael Y., Rea, E., Salerno, A., Colla, G., 2010. Nutrient solution concentration and growing season affect growth and quality of potted petunia in a recirculating subirrigation and drip-irrigation system. Journal of Food, Agriculture & Environment 8: 312-320.
Bacci L., Battista P., Checcacci E., Sabatini F., Rapi B. 2007. L'impiego di tensiometri nel controllo automatico dell'irrigazione di specie ornamentali in contenitore. Rivista di Agronomia, 2, p. 179-187.
Bacci L., Battista P., Rapi B. 2008. An integrated method for irrigation scheduling of potted plants.  Scientia Horticulturae 116: 89-97.
Tesi di Laurea Sperimentali e tesi di Dottorato di Ricerca
Tesi di laurea sperimentale: Adattabilità di Curcuma da fiore reciso alla coltivazione in idroponica a ciclo chiuso. 2008. Candidato: M. Scognamiglio. Relatore Prof.ssa De Pascale.
Tesi di laurea sperimentale: Confronto tra due strategie di gestione della soluzione nutritiva nella coltivazione fuori suolo di Hippeastrum da fiore reciso. 2008. Candidato: V. Graziuso. Relatore Prof.ssa De Pascale.
Tesi di laurea di I livello "Sistemi di controllo dell'irrigazione in specie floricole coltivate in vaso". 2009. Candidato: G. Donzelli. Relatore:  Dott. Malorgio.
Tesi di Dottorato di Ricerca XXII Ciclo dal titolo "Valutazione dell'efficienza d'uso dell'acqua in nuove specie ornamentali per ambienti urbani". Dottorando: S. Cacini. Tutor: dr. A. Grassotti e Prof. A. Pardossi.
Dimostrazione e divulgazione:
Workshop: Anacapri (NA) 22/06/2007; Rutigliano (BA) 7/11/2008; Napoli 15/09/2008; Pescia (PT) 15/05/2009; Pescia (PT) 10/06/2010.
Comunicazione a convegni tecnico-scientifici e Manifestazioni di settore (Flora 2008 e Flora 2009)

CONTATTI

SITO WEB PROGETTO
Prof. Stefania De Pascale - DIAAT Università di Napoli Federico II
DIAAT Dipartimento di Ingegneria Agraria e Agronomia del Territorio, Università di Napoli Federico II SITO WEB