1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Piani di Settore
 

Bando D.D. 17188 del 4 novembre 2010
G.U. n. 15 del 20/01/2011
 


TNP 2011

Filiera corta corilanga
Approvato con D.D. 17303 del 14/09/2011

Importo totale di € 302.450,00, contributo concesso € 200.000.00 pari al 66 % della spesa ammessa


SOGGETTO PROPONENTE

Corilanga Società Agricola cooperativa

 

COORDINATORE DEL PROGETTO

Dr. Massimo Ferrero - Corilanga

 

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Questa giovane Cooperativa si prefiggeva l' obiettivo di trasformare direttamente le nocciole I.G.P. dei propri soci arrivando a fornire i semilavorati direttamente all' utilizzatore finale accorciando la filiera e stipulando contratti di fornitura direttamente con l' industria come tutt'ora in essere con contratti di filiera corta . Con l' attuazione e realizzazione del progetto che è rientrato nel bando l' obiettivo si è raggiunto in quanto oggi la Cooperativa Corilanga ha un sito di lavorazione delle nocciole dove partendo dalla sgusciatura con le varie lavorazioni che si rendono necessarie calibratura , tostatura , molitura riesce a fornire tutta la gamma dei semilavorati di nocciola ( nocciole sgusciate, tostate, pasta granella e farina di nocciole) garantendo il massimo della qualità e della freschezza delle nocciole evitando inquinamenti o contaminazioni con altre varietà in quanto si utilizza esclusivamente la Tonda Gentile Trilobata "Nocciola Piemonte I.G.P." . In seguito alla partecipazione di eventi sia nazionali che internazionali adesso sta fornendo pasticcerie, gelaterie , artigiani e piccole industrie dolciarie sia su suolo nazionale che a livello europeo. Grazie a questo sono anche aumentati i soci e le relative produzioni di nocciole conferite. Peculiarità di CORILANGA è il fatto che ritira , lavora e trasforma esclusivamente nocciole fregiate del Marchio I.G.P. "Nocciola Piemonte I.G.P." e tutti i soci hanno regolarmente iscritto i propri noccioleti all' Albo Corilicolo come previsto dal disciplinare. La sede della cooperativa è nella zona storica di produzione della nocciola Piemonte ubicata in Alta Langa , questo fattore oltre a valorizzare il prodotto consente anche di valorizzare il territorio di produzione di questo straordinario frutto garantendone la tracciabilità e rintracciabilità.

 

OBIETTIVI E RISULTATI

Le criticità maggiori sono quelle proprie del comparto corilicolo che partono dalle problematiche commerciali che vedono la spietata concorrenza del prodotto di qualità inferiore proveniente dalla Turchia e arrivano alla scarsa remunerazione del prodotto. Il valore aggiunto che il consumatore o l'utilizzatore finale pagano non viene ripartito su tutti gli attori della filiera ma come purtroppo accade si ferma nelle mani del comparto commerciale facendo restare le briciole ai produttori agricoli.
La cooperativa si propone con la propria attività di accorciare la filiera in modo tale da poter immettere sul mercato le nocciole già sgusciate o con prodotti semilavorati quali ( nocciole tostate , granella e pasta di nocciole) In questo modo è possibile fornire direttamente all' utilizzatore finale o al consumatore un prodotto certificato e garantito lungo l'intera filiera produttiva.
Altra criticità presente è quella relativa alla penetrazione commerciale del marchio I.G.P. "Nocciola Piemonte" che e' ancora poco conosciuto ai più. L'impegno della cooperativa nel trattare esclusivamente prodotto fregiato dal marchio I.G.P. contribuisce alla promozione e alla valorizzazione della nocciola e al veicolamento del territorio caratteristico ove e' prodotta.

Trasformando direttamente il prodotto si e' certi di garantire al consumatore o all'utilizzatore finale la qualità e l' origine del prodotto mediante la tracciabilità completa delle diverse fasi.
Dalle informazioni assunte sul mercato si e' focalizzata la possibilità' di ricavare un buon valore aggiunto immettendo sul mercato il prodotto semilavorato. Tale valore aggiunto permetterà quindi, nel momento dell'incasso, di avere una maggiore ripartizione degli utili a beneficio dei produttori che beneficeranno così di una maggior remunerazione per le nocciole prodotte.
La misurazione del risultato nel momento in cui si avviano gli impianti e' immediata con il riscontro che si ottiene presentando il prodotto sul mercato. L'impatto di questo progetto e' forte già' sugli attuali soci della cooperativa, ma sarà sicuramente ancora più forte sul mercato in quanto nella realtà
piemontese sarebbe la prima Cooperativa che non si limiterà più soltanto alla commercializzazione ma effettuerà anche la trasformazione della sua produzione marchiata I.G.P. con la vendita diretta dei semilavorati.
Inoltre da considerare il fatto che se si riusciranno ad attivare gli impianti si assisterà ad una ricaduta occupazionale positiva sul territorio grazie alla creazione di nuovi posti di lavoro anche se inizialmente solo in forma temporanea.
 
Il progetto è stato concluso entro i tempi previsti, chiuso il 31/10/2013 e rendicontato il 11/11/2013.

 

CONTATTI