1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Piani di Settore
 

Torna ai risultati della ricerca

Carbona

Accessione: -
Centro di Moltiplicazione:
Provvedimento di iscrizione e data:
Termine di validità dell'iscrizione:
Indicazione di privativa o marchio protetto:
Costitutore: Regione Friuli Venezie Giulia
Destinazione Produttiva: Cultivar da olio

Zone di produzione

Friuli-Venezia Giulia

 

Caratteristiche Biologiche ed Agronomiche

Area di diffusione: Trieste, Istria
Sinonimi: nessuno
Coordinate WGS 84: 45° 37’ 09.0” N - 13° 515’ 14.0” E

La varietà è autosterile. Presenta una produttività moderata, in termini di ritardo nell’entrata in produzione ed entità della stessa. La resa in olio è elevata e in costante aumento con la maturazione. Il grado di tolleranza al freddo e alla siccità è elevato, per cui la varietà è proponibile per ambienti al limite climatico di coltivazione della specie. La suscettibilità alla mosca e alla rogna è bassa, all’occhio di pavone intermedia.
Il periodo ottimale di raccolta ai fini quantitativi della produzione cade intorno al termine del periodo osservato, quando la cascola è ancora bassa, la pigmentazione dei frutti modesta, la resa in olio prossima ai massimi livelli, la consistenza della polpa ancora elevata. Le caratteristiche compositive e sensoriali dell’olio valutate alla metà di novembre sono ancora ad elevati livelli, per cui la cultivar consente il contemporaneo conseguimento della massima produzione e della migliore qualità.
Le caratteristiche vegetative e produttive delle piante rendono la cultivar adatta per impianti a densità tradizionale, con distanze di piantagione da m 6x5 a m 6x6, con forma di allevamento a vaso su cui effettuare la raccolta meccanica con scuotitori da tronco, o agevolata con pettini pneumatici. La varietà fruttifica con ritardo e moderatamente per effetto dell’elevato grado di vigoria, per cui i motivi di interesse per i nuovi impianti sono limitati alla buona qualità dell’olio ed alla facilità di meccanizzazione della raccolta.

Caratteri Morfologici

-

Albero


Vigoria: elevata
Portamento: assurgente
Chioma: media

Ramo fruttifero

Ramo fruttifero

Ramo fruttifero

Portamento: tendenzialmente eretto
Lunghezza (cm ± σ): 23,16 ± 9,00
Lunghezza internodi (cm ± σ): medio-lunghi (2,38 ± 0,45)

Foglia

Foglia

Foglia

Lunghezza (cm ± σ): media (6,61 ± 0,05)
Larghezza (cm ± σ): media (1,32 ± 0,03)
Forma: ellittico-lanceolata
Curvatura asse longitudinale della lamina: piana
Profilo della lamina fogliare: piatta
Posizione larghezza massima: centrale
Colore pagina superiore: verde scuro

Infiorescenza

Infiorescenza

Infiorescenza

Struttura: rada
Ramificazione: media
Lunghezza totale (cm ± σ): media (3,42 ± 0,12)
Lunghezza peduncolo (cm ± σ): lunga (1,45 ± 0,11)
Larghezza massima (cm ± σ): larga (1,88 ± 0,14)
Numero di fiori (cm ± σ): medio (21,00 ± 1,32)

Drupa

Drupa

Drupa

Lunghezza (cm ± σ): media (1,99 ± 0,07)
Diametro massimo(cm ± σ): stretto (1,39 ± 0,06)
Forma: ovoidale
Peso 100 drupe (cm ± σ): medio (154,00 ± 12,00)
Simmetria: leggermente asimmetrico
Posizione diametro: massimo centro-apicale
Forma dell’apice: arrotondato, umbone assente
Forma della base: tendenzialmente obliqua
Cavità peduncolare: circolare, superficiale
Epicarpo: liscio, lenticelle grandi mediamente numerose
Invaiatura: tardiva, scalare
Consistenza polpa: medio-elevata
Evoluzione consistenza polpa: in progressiva diminuzione durante la maturazione
Rapporto polpa nocciolo: basso
Resa in olio: alta (20,7% sul fresco)
Epoca di massima: inolizione intermedia
Cascola: entità bassa ed epoca tardiva

Nocciolo

Nocciolo

Nocciolo

Lunghezza (cm ± σ): lungo (1,60 ± 0,10)
Diametro massimo (cm ± σ): largo (0,86 ± 0,04)
Forma: ellissoidale
Peso 100 noccioli (cm ± σ): medio (42,00 ± 1,00)
Simmetria: leggermente asimmetrico
Posizione diametro massimo: verso l’apice
Superficie: liscia
Solchi fibrovascolari: mediamente numerosi
Andamento solchi fibrovascolari: uniforme
Profondità solchi fibrovascolari: superficiali
Forma della base: appuntita
Forma dell’apice: arrotondata
Terminazione dell’apice: piccolo rostro

Altre informazioni


Caratterizzazione genetico molecolare

Nicolò GM Cultrera, Roberto Mariotti, Vania Sarri, Fiammetta Alagna, Consolacion Guerrero Ruiz, Martina Rossi, Livia Lucentini, Marilena Ceccarelli, Luciana Baldoni. Revealing high levels of variation within olive genes. Plant Genome (inviata alla rivista)

Caratteristiche Chimico Fisiche

Principali acidi grassi (% ± σ) I epoca II epoca
Acido palmitico 12,82± 1,61 12,37± 1,69
Acido palmitoleico 1,06± 0,09 1,00± 0,08
Acido stearico 2,09± 0,30 2,04± 0,37
Acido oleico 75,02± 0,63 78,06± 0,90
Acido linoleico 6,90± 0,85 5,04± 0,51
Acido linolenico 0,27 ± 0,04 0,33 ± 0,06
Acido arachico 0,46 ± 0,10 0,59 ± 0,12
Rapporto insaturi/saturi (n) 5,15 ± 0,33 5,63 ± 0,41
Polifenoli totali (mg/kg ± σ) 306 ± 55,90 151 ± 32.11

Caratteristiche Organolettiche

Giudizio globale: Il contenuto in principali acidi grassi è sempre equilibrato, il contenuto in polifenoli totali è inizialmente elevato ma in diminuzione con la maturazione, le caratteristiche qualitative osservate dimostrano che la Carbona produce oli con forti sensazioni gustative ed
olfattive in epoca precoce di raccolta e con sensazioni attenuate in epoca più avanzata.

Profilo Sensoriale

Clicca qui per ingrandire

Clicca qui per ingrandire

 
Giudizio panel test: Olio di fruttato medio con note di amaro e piccante, e sentori di erbe fresche, in seconda epoca le sensazioni si riducono e l’olio mostra note dolci.

Note

Bibliografia

Schede elaiografiche del germoplasma di olivo del Friuli Venezia Giulia e del Collio Sloveno

Scheda descrittiva fornita ai fini dell’iscrizione al Registro varietale dell’Olivo come da Decreto Legislativo 124 del 2010.

Varietà caratterizzata nell'ambito del Piano di settore olivicolo-oleario (Mipaaf)

Torna ai risultati della ricerca